01/04/2022

CSCI&CIRCLE LAB: Sostenibilità, circolarità e … medaglie olimpiche.

Circolarità e sostenibilità a volte sono termini utilizzati insieme e in qualche modo intercambiabili, il che purtroppo confonde l'importanza e il valore di entrambi. L'obiettivo di CIRCLE LAB, un progetto Erasmus +, è anche quello di fare chiarezza con un approccio innovativo e appositamente studiato attraverso la creazione dei moduli che spieghino agli studenti delle scuole secondarie non solo come questi due termini siano sì collegati l'uno all'altro, ma anche quanto sia necessario affrontare un po’ più a fondo la questione “chimica circolare”

Sostenibilità, secondo la definizione classica, significa "soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i loro bisogni". Circolarità Invece, si concentra sulla tecnosfera, cioè un costrutto umano progettato per sostenere la conversione di materie prime per il consumo umano al di là delle semplici esigenze di sopravvivenza di cibo e acqua e in generale delle risorse naturali. La differenza tra le due definizioni e che separa quindi la circolarità dalla sostenibilità, è la progettazione intenzionale di un sistema. Ampliando la portata della sostenibilità all'intero ciclo di vita dei prodotti, il concetto di circolarità mira a sostituire l'attuale approccio lineare "prendere-fare-smaltire" con processi circolari.

L'economia circolare è un modello diverso di produzione e consumo, che implica la condivisione, il riutilizzo e il riciclo di materiali riducendo così i rifiuti al minimo. Ed è proprio la chimica uno dei principali artefici di questo cambiamento di strategia. Un'economia lineare segue un modello di consumo "prendi, fai, spreca", l'economia del riciclaggio si rende conto che questo è un modo altamente insostenibile di operare, e cerca di recuperare valore dai prodotti alla fine della loro vita, riciclandoli in prodotti nuovi o diversi. Un'economia circolare recupera il valore di tutti i materiali e li trattiene all'interno del sistema - chiudendo il cerchio - attraverso la progettazione sia del sistema che dei prodotti per mantenere il valore in ogni fase del ciclo.

In primo luogo, il prodotto e la produzione possono essere progettati per non generare rifiuti (per esempio nell'industria alimentare utilizzando tutte le parti di una patata piuttosto che solo la polpa per generare prodotti diversi); fondamentale per una mentalità circolare, è l’eliminare gradualmente l'idea di 'spreco'e questo avviene entrando in una mentalità di responsabilità estesa in cui le aziende, i consumatori e la società condividono gli oneri e i benefici di un ciclo di vita del prodotto ricordando che gli elementi non sono infiniti

Un esempio interessante? Le medaglie olimpiche. Quella del 2020 è la prima Olimpiade in cui le medaglie sono state prodotte utilizzando interamente metalli riciclati. Infatti, le medaglie d'argento per le Olimpiadi del 2016 a Rio sono state fatte in parte (30%) da argento riciclato proveniente da parti di automobili, lastre a raggi X e specchi. Ma le Olimpiadi di Tokyo sono le prime in cui il 100% dei metalli proviene da materiali riciclati. Non è stata un'impresa da poco, dato che ci sono voluti due anni per realizzarla. Nell'aprile 2017, è iniziato il Tokyo Olympic Medal Project, con l'obiettivo di recuperare il 100% dei metalli necessari per realizzare le circa 5.000 medaglie olimpiche da dispositivi elettronici, compresi gli smartphone. In tutto, sono stati raccolti 32 chilogrammi d'oro, 3.500 chilogrammi di argento e 2.200 chilogrammi di bronzo. In tutto, ci sono volute 78.985 tonnellate di dispositivi donati, compresi circa 6,21 milioni di telefoni cellulari, per raggiungere questo obiettivo. Sorprendente, vero? Spesso non si percepisce il valore della chimica, eppure pervade tutti gli aspetti della vita: tantissimi prodotti di uso comune esistono proprio grazie alla chimica. Ed ecco perché l’industria chimica ha un ruolo centrale per il benessere di tutti ma è necessario un cambiamento di mentalità “green” CIRCLE LAB è una risposta!

CIRCLE LAB, un progetto Erasmus + di cui CSCI è partner italiano oltre a Sviluppo Chimica S.p.A e ai partner associati quali Federchimica, ITI OMAR di Novara, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e il Direttorato per l’Energia, i Trasporti e il Clima, entrambi con sede a Ispra, Politecnico di Milano, Università di Bologna, AIRI - Associazione Italiana per la ricerca industriale, l’Istituto Leonardo da Vinci di Borgomanero e Consorzio IBIS; completano la rosa Maelardalens Hoegskola (Svezia) come capofila, Eco Logic e SOU Orde Chopela (Macedonia), Rudbeckianska gymnasiet (Svezia), Non-formal learning club "WE" e Kaunas Dainava Basic School (Lituania) e Universidade da Coruna (Spagna).

News

, 13.05.2022

CSCI&PROMETHEUS: MEDIA EMPOWERMENT TOOLKIT, PARTE SECONDA: “FOR TOMMASO”

Il secondo modulo del Toolkit di media empowerment del progetto PROMETEHEUS - un kit, appunto, di strumenti educativi relativi ai media - nasce su iniziativa del Rotary Club Val Ticino di Novara, a...