17/11/2021

CSCI&PROMETHEUS: IL PIANO NAZIONALE DIGITALE

Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale. È un pilastro fondamentale de La Buona Scuola (legge 107/2015), una visione operativa che rispecchia la posizione del Governo rispetto alle più importanti sfide di innovazione del sistema pubblico: al centro di questa visione, vi sono l’innovazione del sistema scolastico e le opportunità dell’educazione digitale.

Questo Piano - che è in primis un’azione culturale, nato da un’idea rinnovata di scuola, intesa come come piattaforma che metta gli studenti nelle condizioni di sviluppare le competenze per la vita - non è un semplice dispiegamento di tecnologia ma risponde alla chiamata per la costruzione di una visione di Educazione nell’era digitale, dove la scuola è protagonista dell’apprendimento piuttosto che della trasmissione guidata.

In questa visione, le tecnologie diventano quotidiane e al servizio della formazione e dell’apprendimento.

Gli obiettivi del PNSD si riassumono essenzialmente in:

- Sviluppo delle competenze digitali degli studenti

- Potenziamento degli strumenti didattici e laboratoriali

- Formazione dei docenti e del personale amministrativo e tecnico

- Potenziamento delle infrastrutture di rete

- Definizione dei criteri per l’adozione dei testi didattici in formato digitale

ll Piano si articola in 4 passaggi: strumenti, competenze, formazione, accompagnamento, dove per ognuno di essi sono stati identificati obiettivi e azioni specifiche.

Per quanto riguarda gli strumenti, si intendono le condizioni indispensabili per la scuola per poter interagire, come ad esempio l’accesso e connessione attraverso fibra ottica e la qualità degli spazi e degli ambienti di apprendimento.

Alla sezione dedicata alle competenze, troviamo il lavoro sull'alfabetizzazione informatica e digitale, inteso come il rafforzare le competenze relative alla comprensione e alla produzione di contenuti digitali, introducendo al pensiero logico e portando gli alunni ad essere creatori di strumenti digitali.

L’ambito della formazione riguarda il rafforzare la preparazione del personale in materia di competenze digitali coinvolgendo tutti gli operatori della comunità scolastica, compito che spetterà al cosiddetto animatiore digitale, la cui figura istituzionale sarà presente in ogni scuola.

Quindi, una grande rivoluzione, e PROMETHEUS ne è l’alfiere: il progetto Erasmus + di cui CSCI è tra i partner italiani - insieme all’Istituto Cairoli di Vigevano - è tra i partner italiani, risponde all’appello fornendo un’educazione ai media di livello primario e secondario, un percorso completo appositamente studiato per le esigenze di studenti, insegnanti e genitori. PROMETHEUS - Professionals Media Empowerment through Educational Suitability è empowerment, formazione e alfabetizzazione mediatica, un programma attento a fornire ai professionisti principi di sviluppo fondamentali, che tenga in conto dell’età dei bambini e dei giovani. per formare menti critiche in grado di utilizzare e analizzare i diversi prodotti multimediali, sapendone interpretare l’estetica - cioè le caratteristiche specifiche - degli elementi che compongono il prodotto multimediale. Oltre all’Italia, partecipano al progetto Združenje KUD Parzival (Slovenia), Universitatea Lucian Blaga din Sibiu (Romania), Osnovna Waldorfska Skola – (Croazia), Universidad Internacional Isabel I de Castilla (Spagna).

News

, 13.05.2022

CSCI&PROMETHEUS: MEDIA EMPOWERMENT TOOLKIT, PARTE SECONDA: “FOR TOMMASO”

Il secondo modulo del Toolkit di media empowerment del progetto PROMETEHEUS - un kit, appunto, di strumenti educativi relativi ai media - nasce su iniziativa del Rotary Club Val Ticino di Novara, a...