23/06/2022

CSCI&PROMETHEUS - MEDIA EMPOWERMENT TOOLKIT, PARTE TERZA: LE POTENZIALITA’ EDUCATIVE DELL’IRONIA DEI MEME MATEMATICI

Un meme - o meglio, un Internet meme - è un contenuto di natura umoristica spesso frutto di una rielaborazione creativa di scene di film, serie o programmi TV che si diffonde rapidamente e in maniera virale in rete, diventando materiale d’espressione e componente dell’immaginario comune del cyberspazio. Il termine deriva direttamente dal greco “mimēma”, letteralmente “ciò che è imitato” ed è nel campo della biologia genetica che si riscontrano i primi utilizzi del termine per indicare una mutazione improvvisa nel processo di selezione darwiniana, legata a un cambiamento random propagatosi per replicazione.

Negli anni Dieci del Duemila la popolarità dei social network, la consuetudine verso la creazione e la condivisione di immagini umoristiche, ne fa uno strumento conosciutissimo. Prometheus - Professionals' Media Empowerment through Educational Suitability - un progetto Erasmus+ di cui CSCI Novara è tra i partner italiani oltre a Istituto Cairoli e che vede la partecipazione di Združenje KUD Parzival (Slovenia), Universitatea Lucian Blaga din Sibiu (Romania), Osnovna Waldorfska Skola – (Croazia) e Universidad Internacional Isabel I de Castilla (Spagna), sfrutta il linguaggio comune rappresentato dai meme per riorganizzare conoscenze matematiche degli studenti, basandosi su un approccio innovativo per coinvolgere e motivare i ragazzi dai 14 anni in su in maniera diversa, usando proprio i meme per ampliare lo spettro di coinvolgimento degli studenti facendo leva su competenze non strettamente educative.

Quello sui meme è uno dei moduli educativi dedicati a vari argomenti relativi all’alfabetizzazione mediatica: si passa ad affrontare temi quali simulazione d’impresa, alla peer education (cioè trasmissione e condivisione di informazioni ed esperienze tra persone della stessa età o appartenenti allo stesso gruppo sociale) su bullismo e cyberbullismo, fino al modulo chiamato “Mathmemethon”, cioè il possibile utilizzo educativo in matematica dei meme, una modalità molto diffusa e di consuetudinario utilizzo soprattutto tra gli studenti adolescenti.

“Mathmemethon”, è un modulo che intende far riflettere i ragazzi ponendo la loro attenzione sul ruolo dei meme matematici come oggetti nati spontaneamente nel mondo sociale per rappresentare idee matematiche ed esplorare le loro possibilità didattiche a scuola; il metodo di lavoro alla base è interessante: riuscire ad interessare gli studenti, trovando risorse educative per avvicinarli alla matematica scolastica tramite un modus a loro vicino, famigliare e conosciuto. Il modulo prevede anche la creazione di gruppo di un meme matematico su un argomento specifico scelto dall'insegnante. Naturalmente, saranno affrontati insieme agli studenti cosa sia un meme, analizzandone i significati e come “funzioni”, osservandone le potenzialità educative per sistematizzare le conoscenze già acquisite dalla classe su un determinato argomento matematico. Questo tipo di lavoro, puntando alla creatività, inoltre, svilupperà e migliorerà la capacità di mettere in relazione diverse rappresentazioni di un concetto e di gestirne cognitivamente il contenuto.

PROMETHEUS è davvero un progetto innovativo perché guarda con occhio creativo e umoristico ad un argomento - come la matematica - tradizionalmente distante da questi elementi. Del resto, secondo lo scrittore e pedagogista tedesco Jean Paul (al secolo Johann Paul Richter), “L'ironia e l'intelligenza sono sorelle di sangue”.

 

News

, 23.06.2022

CSCI&PROMETHEUS - MEDIA EMPOWERMENT TOOLKIT, PARTE TERZA: LE POTENZIALITA’ EDUCATIVE DELL’IRONIA DEI MEME MATEMATICI

Un meme - o meglio, un Internet meme - è un contenuto di natura umoristica spesso frutto di una rielaborazione creativa di scene di film, serie o programmi TV che si diffonde rapidamente e in...