12/12/2019

Progetto Erasmus+ "WHO CONDUCT THE ORCHESTRA"

UN PROGETTO RIVOLTO ALLE SCUOLE PRIMARIE: “WHO CONDUCT THE ORCHESTRA”

 

Dopo anni di lavoro con bambini in difficoltà, Olof H. Wikström, professore di Criminologia dell'Università di Cambridge, ha teorizzato che di per sé non sono loro a rappresentare il problema pur avendo mostrato un comportamento “difficile”; i problemi, invece, sono spesso legati ai genitori che faticano a gestire la situazione non assumendo una sufficiente leadership, tradotta nella capacità di relazionarsi con i propri figli. Se i bambini crescono in un ambiente “sano” e intessendo buone relazioni, con un’idea di cosa sia l’etica e imparando l'autocontrollo, riescono a sviluppare una buona autostima, diventando così più resistenti agli abusi e alle tentazioni della criminalità. La ricerca mostra, inoltre che gli alunni i cui genitori partecipano attivamente alla vita scolastica dei figli ottengono migliori risultati, arrivando a vantare una più alta qualità della vita (con ripercussioni positive sia per un futuro discorso lavorativo, sia per la sfera economica che salutare). Purtroppo la ricerca mostra anche che la mancanza di coinvolgimento dei genitori nell'istruzione dei loro figli, è qualcosa di riscontrabile molto spesso in ambito europeo, rappresentando così un problema di urgente soluzione e il partenariato transnazionale del progetto "WHO CONDUCTS THE ORCHESTRA" intende creare la consapevolezza dell'importanza della partecipazione dei genitori nella vita scolastica dei bambini, sviluppando metodi concreti per migliorare (e rendere più proficua) l'attuale collaborazione tra insegnanti, pedagogisti e genitori.

Cinque i paesi coinvolti: Turchia, Inghilterra, Spagna, Danimarca e Italia, rappresentata quest’ultima dal Consorzio Scuola Comunità Impresa di Novara.

"WHO CONDUCTS THE ORCHESTRA" si rivolge, nella fase di sperimentazione, a due gruppi target, rappresentati da 50 genitori e da 25 insegnanti e pedagogisti che si occupano della formazione di alunni di età compresa tra i 6 e i 9 anni, questo perché, oltre a stabilire una buona collaborazione fin dall'inizio della vita scolastica degli alunni, sono i primi educatori che incontrano i genitori e, pertanto, hanno la possibilità di introdurli alle loro responsabilità nei confronti dell'educazione dei figli.

I genitori e gli insegnanti coinvolti parteciperanno a interviste di gruppo per sviluppare una metodologia comune, un piano di attuazione che veda come fondamentale, ad esempio, sia la comunicazione, sia l’ introduzione di quattro elementi fondamentali nella vita dei bambini quali moralità (intesa come “etica”), autocontrollo, come costruire relazioni sane e come interagire con l’ ambiente. Sono previsti, inoltre eventi formativi (due per ogni Paese partecipante) con la presenza di esperti e lo sviluppo di un manuale/guida su come tradurre la metodologia nella pratica.

Infine, di altrettanta grande utilità, sarà lo sviluppo di una piattaforma che per la prima volta, a livello europeo, diventi luogo di confronto e scambio di opinoni tra insegnanti, pedagoghi e genitori partecipanti, nell’intento di creare prima e potenziare poi la rete collaborativa scuola – casa.

 

*******************************************************************************************

Progetto finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del Programma 

News

, 10.08.2021

CSCI&CIRCLE LAB: STEP by STEP - pronte le linee guida!

Pronta la validazione del metodo educativo e la definizione delle linee guida per i moduli formativi di “CIRCLE LAB”, il progetto ERASMUS+ per migliorare la conoscenza, la...