NEWS

Dettaglio News Progetto CCDE: prima esperienza scientifica per bambini in Spagna

Leggi Anche

  • MAI TROPPO TARDI: corso di formazione imprenditoriale per giovani tra i 18 e i 29 anni

    Leggi Tutto

  • Tour for skills del progetto europeo Albatts: il 26 marzo evento online

    Leggi Tutto

  • L’Agenzia Nazionale Erasmus+ INAPP assegna al CSCI il Certificato di Eccellenza

    Leggi Tutto

  • Evento "FUTURE DAY" - Progetto Binario 9 e3/4

    Leggi Tutto

  • “MAI TROPPO TARDI”

    Leggi Tutto

  • SWEET2022 Studenti ... si parte!!!

    Leggi Tutto

  • I nuovi laboratori di Binario 9e3/4 - IV Avviso

    Leggi Tutto

  • Spettacolo Teatrale - PROGETTO “BINARIO 9 E ¾ MAC”

    Leggi Tutto

  • Ricerca Tutor PROGETTO “BINARIO 9 E ¾ IV° Avviso ”

    Leggi Tutto

  • Ricerca personale PROGETTO “BINARIO 9 E ¾ IV° Avviso ”

    Leggi Tutto

Progetto CCDE: prima esperienza scientifica per bambini in Spagna

Progetto CCDE: prima esperienza scientifica per bambini in Spagna

marzo 19, 2024
Esperienza scientifica emozionante per gli studenti della scuola Santa Ana di Calatayud in Spagna organizzata con il progetto Erasmus+ "Circular chemistry in the digital era" di cui è partner il Consorzio Scuola Comunità Impresa. L'attività si è svolta il 13 marzo: i ragazzi hanno imparato diverse nozioni sulle reazioni chimiche in modo divertente e interattivo. Migliorare l'apprendimento scientifico innovativo è uno degli obiettivi principali del progetto "Chimica circolare nell'era digitale". L'attività consisteva nel riempire alcune bottiglie con succo di limone e altre con aceto e poi posizionare un palloncino all'imboccatura della bottiglia, che conteneva bicarbonato di sodio. Mescolando gli ingredienti si è verificata una reazione chimica che ha generato anidride carbonica, un gas che ha gonfiato il palloncino. Gli studenti hanno osservato con stupore il palloncino che si gonfiava, mentre imparavano i principi di base della chimica e della fisica. L'attività ha permesso loro di comprendere concetti come la decomposizione chimica, la formazione di gas e la pressione. Altre attività scientifiche sono previste nei prossimi mesi in ciascuno dei Paesi coinvolti nel progetto.